Sanremo 2019, la seconda serata del Festival

La seconda serata del 69esimo Festival della canzone italiana è stata contrassegnata da molte standing ovation: la prima, indiscutibilmente, per il direttore artistico, nonché conduttore del festival, Claudio Baglioni che ha inaugurato la serata con il meraviglioso brano Noi no accompagnato da un corpo di ballo a dir poco eccezionale. Il primo cantante a esibirsi è stato il protagonista di un genere musicale nuovo, la ‘samba trap’, Achille Lauro, che inaspettatamente la scorsa sera ha raggiunto la zona alta della classifica parziale, con la sua ROLLS ROYCE, e a riguardo dichiara: “il pezzo parla di tutte le icone mondiali: dal mondo di Hollywood alla musica, allo stile”. Il secondo artista a esibirsi è stato Einar con il brano parole nuove che, come molti avevano previsto, è stato inserito nella zona rossa. Successivamente sono saliti sul palco i tre ragazzi de Il Volo assieme alla loro immancabile eleganza, con la canzone musica che resta che il pubblico ha lasciato chiaramente intendere di aver apprezzato con un lungo applauso. Standing ovation anche per la prima ospite della serata, Fiorella Mannoia che ha cantato il suo nuovo singolo intitolato il peso del coraggio e poi ha cantato con Baglioni la canzone che nel 1987 la stessa Mannoia portò su quel palco vincendo il premio della critica. Poi si è esibito Nek, il cui brano parla di una rivoluzione interiore, ovvero dell’energia più forte che un essere umano possa trovare ed infatti afferma che nessun film d’autore, nessuna poesia e nessuna canzone potrà arrivare all’altezza dell’amore. Ma questa volta non si è “fatto trovare pronto” dal momento che è stato inserito nella parte bassa della classifica. Altra standing ovation per il secondo ospite della serata, lo storico conduttore Pippo Baudo. Successivamente è salito sul palco Daniele Silvestri, con la sua Argento vivo. Una canzone nuova e dal testo incredibilmente attuale perchè tratta dello sfogo di un sedicenne che vive come imprigionato dal sistema scuola-famiglia. Ultima standing ovation per la mitica Michelle Hunziker, protagonista indiscussa della scorsa edizione, che anche quest’anno si è dimostrata indubbiamente la migliore sotto tutti i punti di vista.

Articolo scritto da Federica Giannetta e curato da Alessandro Np

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...