MUSICA SPETTACOLO

MORGAN: L’artista canta “Ringrazia il cielo se sei su questo palco. Rispetta chi ti ci ha portato dentro..” e Bugo abbandona il palco | SANREMO 2020

Una scena che non è mai accaduta sul palco dell’ Ariston in 70 anni: Morgan cambia il testo della canzone “ Sincero” durante l’esibizione e Bugo abbandona il palco del Festival di Sanremo ed è corso dietro le quinte. “Che succede, dov’è andato Bugo?”, ha chiesto Amadeus, interrompendo l’esibizione. Poco dopo è arrivato in suo aiuto anche Fiorello per cercare di capire cosa stesse accadendo: “Mi hanno detto corri, vai, sta accadendo qualcosa”. Morgan è apparso perplesso e ha raggiunto il backstage per chiarire la situazione, salvo poi non fare più ritorno sul palco.

TESTO DELLA CANZONE DI MORGAN E BUGO

“Le buone intenzioni, l’educazione
La tua foto profilo, buongiorno e buonasera
E la gratitudine, le circostanze
Bevi se vuoi ma fallo responsabilmente
Rimetti in ordine tutte le cose
Lavati i denti e non provare invidia
Non lamentarti che c’è sempre peggio
Ricorda che devi fare benzina
Ma sono solo io
E mica lo sapevo
..”

TESTO CANTATO DA MORGAN

“Le brutte intenzioni, la maleducazione
la tua brutta figura di ieri sera
la tua ingratitudine, la tua arroganza
fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa
certo l’ironia è una forma d’arte
ma tu sai solo coltivare invidia
ringrazia il cielo sei su questo palco
rispetta chi ti ci ha portato dentro
..”

Alle 2.11 il verdetto: Bugo e Morgan sono squalificati. Si tratta di defezione quindi da regolamento Bugo e Morgan sono squalificati dal Festival di Sanremo“, ha detto Amadeus. E ha proseguito: “Mi dispiace molto, li avevo voluti io, il loro brano mi piaceva e avevo ritenuto che meritasse di essere in gara“. Ma cosa è realmente accaduto tra i due, legati da un rapporto di stima professionale e di amicizia?

Ce lo spiega il grande critico musicale Red Ronnie, amico di Morgan, attraverso i suoi post di Facebook. Stanotte posta inzialmente: “Cos’è successo tra #Mogan e #Bugo? Perché sono stati squalificati dal Festival di Sanremo? Come mai Bugo ha abbandonato il palco?
Sono le 3 di notte passate quando scrivo questo articolo dopo aver registrato il video allegato.
I problemi sono nati con le prove di “Canzone per te” che dovevano presentare nella serata delle cover. Morgan mi ha mandato un lunghissimo e disordinato messaggio via Whatsapp, evidentemente buttato giù di getto, che copio qui sotto, dove parla di boicottaggi, di spartiti scambiati e di un’orchestra che non riusciva a provare con quel caos di spartiti. Morgan denuncia sabotaggi e lamenta l’arrabbiatura di Bugo e l’abbandono dei discografici. Alla fine riesce a fare una prova veloce e i problemi si sono visti nell’esibizione serale al Festival dove Morgan ha deciso di dirigere lui l’orchestra. Io ho mandati tutto quello che mi ha scritto Morgan a un grande musicista che mi ha risposto (ho letto il suo commento nel video).
Stasera stavo lavorando sulla puntata di lunedì prossimo del Barone Rosso. Alla mia sinistra avevo il computer grande che mandava Sanremo con l’audio in sottofondo. Lo alzavo solo quando sentivo che annunciavano un artista che mi interessava. Così ho fatto per vedere quello che avrebbero combinato Bugo e Morgan. Immediatamente ho capito che Morgan non stava cantando il testo della canzone, ma una cosa che aveva scritto contro Bugo:
“Le brutte intenzioni e la maleducazione. La tua brutta figura di ieri sera. La tua ingratitudine e la tua arroganza. Fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa. Cerco di compiere una forma d’arte. Ma tu sai solo coltivare invidia. Ringrazia il cielo se sei su questo palco. Rispetta chi ti ci ha portato dentro…”
A questo punto Bugo ha già preso i fogli e se n’è andato. Tutto si ferma Caos.
Questa rimane la più bella performance del Festival di Sanremo 2020, che graffia indelebilmente un’edizione contestatissima. A poco contano i numeri di audience. Solo agli affari, ma non alla musica.
Nel video, racconto anche la storia di “Canzone per te” e quello che Sergio Endrigo mi ha confidato: avrebbe voluto abbandonare il palco in quel 1968. Sarebbe entrato nella storia ma non avrebbe vinto quel Festival. A causa di quella canzone c’è stato, 52 anni dopo, un abbandono di palco. Morgan e Bugo sono entrati nella storia del Festival di Sanremo.
Mi dispiace solo per una cosa: erano amici e quando vedi finire un’amicizia non è mai bello”.

Ecco quello che ieri mi ha mandato Morgan da cui sono nati tutti i problemi: “..alla fine si è fatta la prova generale solamente come avevo ormai intuito. questo significa che abbiamo montato da zero una cosa che tutti gli altri hanno provato e riprovato da mesi. in una prova sola a poche ore dalla diretta credo di aver costruito una versione rispettosa del capolavoro che ho l’onore di interpretare questa sera con la fantastica orchestra della Rai. tutto quel casino che c’è stato e successo per mano di un misterioso sabotatore che per settimane ha consegnato parti ‘insuonabili’ e cacofoniche appositamente piene di errori armonici e di strumento per cui per intere settimane l’orchestra quando leggeva per la prima volta la musica falsamente attribuita a me reagiva protestando perché il risultato era inascoltabile e quindi mi si comunicava che il lavoro non era adeguato e si annullava la prova obbligandomi esasperato ed incredulo per la allucinante reazione degli orchestrali di fonte alle partiture che loro dichiaravano insuonabili ho allora coinvolto un gran de musicista che è il maestro Corvino direttore arrangiatore e violinista di prim’ordine che però si trovava in ospedale perché aveva appena subito una complessa operazione chirurgica che lo rendeva totalmente convalescente ma nonostante ciò ha voluto entrare a fondo e fianco a fianco abbiamo ricominciato a stendere questo benedetto arrangiamento edulcorandolo sempre di più togliendo le presunte parti virtuosistiche giudicate insuonabili e optando per uno stile di accordi consonanti e non modernisti abbandonando l’idea di lavorare ad un materiale che avesse venature di avanguardia o di sperimentazione a favore di uno stile per quanto elegante ma tradizionale e retrograde. Ebbene giunge la comunicazione ufficiale: la nuova versione dell’arrangiamento di Morgan presenta ulteriori complessità armoniche ulteriori dissonanze ed è peggiorata dal punto di vista della suonabilità. Dio santo ma questo non è possibile, pensiamo io e Valentino, ci deve essere un errore da qualche parte. Visto che la simulazione che di norma realizzo per farla ascoltare a chi non legge la musica ma deve approvare un lavoro, funziona alla grande e piace a tutti, quindi all’ascolto è ritenuta idonea, ma chissà perché quando la prende in mano l’orchestra per leggere le parti, allora arriva puntuale la comunicazione di inadeguatezza, o addirittura la minaccia di squalifica. e io chiedo intanto continuamente: signori possiamo fare una prova? mi si risponde: ma certo. e quando allora? ah, non lo sapevi? è stata spostata. Si?, ma io ne ho bisogno, va ricostruita da zero la canzone, è un casino, vi prego datemi una prova. chiedo di darmi ascolto, ma sembra che a nessuno importi la cosa, anzi, i discografici di Bugo e la Sony cominciano a far girare la voce che se Morgan “si ritira” spontaneamente allora Bugo può continuare a stare in gara, invece nel caso di “squalifica”, sarebbero estromessi entrambi. Dunque questo è l’obiettivo qualcuno ha interesse a farmi saltare ma non a farmi squalificare dal festival, semplicemente a portarmi a rinunciare spontaneamente per esasperazione. e come potrei? Conoscendomi io so che levo i tacchi e faccio dietrofront solo quando vengo insultato o umiliato, allora mi giro e vado via. Questo evidentemente è l’obiettivo. Qualcuno che mi conosce sta facendo un lavoro di distruzione sistematica del mio lavoro musicale e della mia figura di musicista agli occhi di tutti, orchestrali, rai, giornalisti, è un vero e proprio incubo in cui mi sono trovato ad occhi aperti. Ma vorrei che vi rendiate conto che questo è tecnicamente un reato e ha il nome specifico di Mobbing. Siamo alla settima riscrittura dell’arrangiamento di Endrigo in Rai dicono di aver ricevuto le nuove parti scritte molto attentamente da me e riverificate col microscopio da Corvino. La simulazione è bellissima mi piace, ARRIVA la prova, salgo sul palco leggo insieme all’orchestra le parti e il risultato è penoso i musicisti protestano ad alta voce: è insuonabile. Fammi vedere, dico al violinista. Ma questa non è la parte! questa è assurda. Vado da tutti i 60 musicisti controllo le parti. Il cervello mi fonde. Oddio ma questa è quella nuova o quella vecchia? E questa è la terza, la quarta? Che caos assoluto. l controllo si perde, la prova fa schifo, io mi vergogno e metto la coda del frac tra le gambe e penso : ho fallito completamente nella vita non valgo nulla non sono un musicista decente, l’orchestra sembra che stia suonando una musica molesta spiacevole all’ascolto che però non ha nulla a che fare con quella che ho scritto io. Aiuto aiuto che cazzo sta succedendo. Chiedo di interrompere la prova per verificare cosa è stato consegnato ai musicisti. Faccio quel che posso con intorno persone che dicono che io verrò squalificato. Correggo tutto lo spartito del chitarrista e costruiamo daccapo tutta la parte. Vado dal percussionista correggiamo tutte le assurdità che vedo su quei pentagrammi. Ma il tempo passa non posso andare da uno all’altro e dico, stremato ed avvilito, umiliato sotto gli occhi di tutti. Dico agli orchestrali: datemi quello che avete in mano. Non mi viene dato. Nel frattempo il mio telefono è bombardato dai discografici di Bugo che minacciano continuamente la mia squalifica dicendo che io sono inadeguato e che Simone Bortolotti è già pronto con la sua partitura già considerata idonea e consegnata perfetta all’orchestra. Ovviamente mi incazzo perché ognuno si sentirebbe scavalcato e sentirebbe che gli sta sfuggendo tutto di mano ma intanto avendo appena fatto una gran figura di merda abbasso la testa ma nonostante prevaricato riesco a dire: ma come vi permettete? Rispondono che io non sono in grado. Ma se sono trent’anni che scrivo per orchestra arrangiamenti di canzoni italiane e pure questa l’ho già fatta non so quante volte in quante versioni. La conosco meglio delle mie tasche. Insomma arriva l’ottava trascrizione della canzone e io e Valentino diciamo: a questo punto ci siamo rotti veramente ma veramente il cazzo, allora si fa l’originale di Bacalov, e vediamo se contestano pure quella. Ottima idea mi viene detto da tutti compresa Rai. Chiedo quando possiamo recuperare le prove: tranquillo ora te lo diremo. Passano i giorni. Passano senza risposte. Io assillo tutti: fatemi venire fuori delle prove. Vi prego . Arriva la comunicazione: l’arrangiamento è insuonabile. Eh? Quello originale? Valentino Corvino è incredulo vuole parlare con la Rai, lo mettono in contatto con un responsabile che gli dice: 60 direttori d’orchestra hanno valutato indecente il lavoro di Morgan e hanno detto che cose del genere vanno bene per la sagra di Prokoviev ma non per Sanremo. Io e Valentino cominciamo a ridere a tal punto che ancora adesso non riusciamo a fermarci al pensiero della sagra di Prokoviev come fosse un festival in qualche parte della Prussia dove si suona musica estremamente dissonante ed insuonabile. Chiedo a Valentino di farmi esaminare le parti e vedo che effettivamente corrispondono totalmente all’originale di Bakalov. Gli dico: ma le hai consegnate? Certo. A chi alla Rai? no, alla discografica. azz.. Vuoi vedere che ci risiamo? E infatti è così. Arriva mezzanotte il giorno della diretta televisiva e io esasperato chiedo quando arriverà Valentino Corvino. Mi viene risposto che non è stata prevista la sua presenza. ah no? ok , Lo mando a prendere io a mie spese con una macchina a casa in piena notte. Ieri notte riesco a portare Valentino a Sanremo, mi sento un po’ al sicuro. A lui non si permetteranno di fare quello che hanno fatto a me. Le prove non vengono concesse io scrivo questa lettera ai giornalisti e alla direzione rai al mattino di oggi. Nessuno mi risponde, tutti leggono il messaggio wahtsapp ma nessuno risponde .
Vengo catapultato in teatro alle 14 e mi dicono: ti hanno concesso tutto. ok aspetta un attimo qui. Arrivano le 18 e ancora non si è provato. mi incazzo e vado in albergo per capire cosa fare, quasi quasi torno a Milano, scrivo ad Amadeus che torno a Milano. I discografici dicono: ok allora Morgan se ne va, bene dirige Bortolotti e canta Bugo, perfetto. Valentino Corvino che era pronto sul leggio con le partiture consegnate personalmente dalle sue mani all’orchestra viene letteralmente scansato e allontanato dal leggio e gli vengono sbattute in mano le sue partiture dicendogli che dirige Bortolotto che guarda caso aveva già preparato tutto l’arrangiamento. Valentino dice: come vi permettete? il direttore è Marco e io arrivo da Bologna per supportarlo! Marco è squalificato, gli dicono. Ah si? Valentino coraggioso e leale si fionda da Amadeus e gli sbatte in mano il telefono, parla con Morgan per favore. Amadeus e Morgan si parlano. Perché te ne vai Marco io ci tengo così tanto? ah si? ci tieni e allora perché mi trattate in quel modo? Marco vieni qua per favore spiegami cosa succede. Arrivo in teatro, Bortolotto e i discografici sono scappati, Bugo non rivolge la parola a nessuno. Valentino mi dice: lo sai che ancora avevano sul leggio le partiture sbagliate? scopriamo che gli orchestrali non avevano mai avuto modo di suonare se non la prima stesura, le altre otto erano state fatte sparire da qualcuno. Ma Valentino ha in borsa la nona versione che è un ibrido tra l’originale e il mio. Amadeus dice che personalmente vuole assistere alla prova. La prova stavolta funziona, ovvio perché le parti finalmente per la prima volta corrispondono a quello che è stato scritto. L’orchestra è felice, il pubblico in sala applaude entusiasta. Bugo è incazzato nero. I discografici non mi rivolgono la parola. Amadeus è contento come un bambino, io anche, il vecchio grande Mario Luzzato Fegiz novantenne in prima fila si commuove e mi dice: hai lo stesso numero di telefono? no Mario, l’ho cambiato da dieci anni minimo. Dammelo. Mi dicono prova finita. Quindi non mi avete concesso le prove che mi spettavano ma solo quella generale in cui io e Corvino abbiamo costruito da zero ciò che tutti gli altri hanno provato per mesi ma senza sgambetti e dispetti. Io dico: ho bisogno di riprovare la seconda strofa. No Morgan scaduto il tempo. Io dico: Ok che sono bravo, ma non sono Dio. quindi mi impongo, e davanti alle smorfie e alle facce antipatiche degli ipocriti che mi hanno ingannato per giorni mi metto a provare la seconda strofa. Due minuti di orologio. E dico grazie ragazzi grazie Amadeus, Bugo ripigliati. Luzzato fegiz applaude dicendo grande Endrigo. a stasera ragazzi.
Ah, dimenticavo, il teatro si svuota e sento dire: mezzora di pausa, signori”
.

Stamattina Red pubblica un altro post su Facebook con video dove spiega ciò che è accaduto con Morgan subito dopo la sua prima pubblicazione:

“Alle 5 di questa mattina ho videoregistrato questa telefonata con #Morgan dopo tutto il casino che ha combinato al Festival di Sanremo, con #Bugo che ha abbandonato il palco.. L’ho chiamato dopo aver pubblicato sulla mia pagina Facebook un video fatto appena ho visto quanto successo sul palco dell’Ariston.
Importante: prima di guardare questa telefonata occorre guardare il mio intervento qui sotto per capire quanto è successo.
Morgan, dopo aver visto questo mio video-racconto, mi ha scritto:
“Sei sempre stato un grande e continui imperterrito ad essere lucido didattico giusto e sensibile. Non sai quanta stima ho di te, o forse lo sai. Ma non smetterò mai di dirlo. Cazzo Gabriele grazie perché ragioni”
Poi, in un messaggio successivo, mi ha scritto:
“Diciamo così: gliele ho cantante”
A questo punto gli ho telefonato, videoregistrando la chiamata. Lui mi ha autorizzato a pubblicarla. Morgan racconta di come Bugo non avesse più rapporti con lui. La strategia era di far sì che Morgan abbandonasse il Festival esasperato, così Bugo sarebbe rimasto in gara da solo. Vale la pena davvero ascoltare la telefonata integrale perché c’è dentro tutta la passione per la musica che oggi è rara trovare in show televisivi, per non parlare delle radio.”

Ci sono tante critiche ovunque sui social in merito a ciò che è accaduto.

Io penso che solo i protagonisti sanno realmente cosa è accaduto e cosa può portare a compiere gesti così estremi, anche pubblicamente.

The show must go on

Sono nata a Bari il 18 agosto 1975 sotto il segno del Leone. Amo la musica da bambina, e sono fan sfegatata della regina del Pop: Madonna e del grande artista eclettico e visionario Lorenzo Jovanotti. Adoro collezionare dischi in vinile e nutro anche una grande passione per i manga e gli anime. Oggi mi sono buttata a capofitto nella gestione dei principali social network. Tutto è cominciato nel 2009, quando decisi di prendere in mano "la missione" di far conoscere artisti emergenti, che non escono dai talent e meritano visibilità. Ho continuato questo cammino facendolo diventare un lavoro. Mi occupo sia di artisti emergenti che di attività. Con fermezza sono sicura che la viralizzazione mediatica sia un grande strumento e punto molto su questo nel mio lavoro. Per passione scrivo anche per Faremusic.it

0 commenti su “MORGAN: L’artista canta “Ringrazia il cielo se sei su questo palco. Rispetta chi ti ci ha portato dentro..” e Bugo abbandona il palco | SANREMO 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: