MUSICA SPETTACOLO

SPETTACOLO | FERZAN OZPETEK A TRANI PER RACCONTARE LA SUA FANTASTICA STORIA ARTISTICA. EVENTO ORGANIZZATO DAL CIRCOLO CORTE SVEVA DI ANDRIA

Un evento unico nel suo genere quello organizzato dal Circolo Corte Sveva di Andria il prossimo 31 luglio che vedrà ospite a Trani per l’unica data in Puglia Ferzan Ozpetek al Versante Est in piazza Marina di Colonna.

Il cineasta si proporrà al pubblico in una veste inedita, raccontando della sua carriera, dei suoi film e dei suoi libri. La serata, organizzata in collaborazione con il circolo del cinema Dino Risi di Trani, sarà l’occasione per conoscere da vicino la figura del regista di Le fate ignoranti, La finestra di fronte, Mine vaganti, il più recente La Dea Fortuna, solo per citare alcuni dei titoli che lo hanno consacrato al grande pubblico.

Sarà anche l’occasione di parlare con Ozpetek del suo ultimo straordinario successo editoriale definito un inno alla vita dal titolo Come un respiro edito da Mondadori, attualmente in testa alle classifiche librarie.

L’evento di Trani, raccoglierà fondi per il comitato AIRC Puglia. Ricordiamo che Ferzan Ozpetek da anni è membro attivo dell’ AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) con la quale ha collaborato attraverso la regia di spot televisivi e la partecipazione ad eventi di beneficenza per la raccolta fondi.

I tagliandi d’ingresso all’evento sono disponibili presso i punti Mondadori di Andria, Barletta, Corato e Trani.

Nato a Istanbul nel 1959, Ferzan Özpetek si trasferisce nel 1976 a Roma per studiare storia del cinema all’università “La Sapienza”. Il suo primo film, Il bagno turco- Hamam (1997) registra da subito un grande successo di critica e di pubblico, tanto da essere selezionato per la Quinzaine des Réalizateurs a Cannes. Due anni dopo raggiunge un altro successo con Harem Suaré. Il film narra la storia d’amore tra la favorita del sultano e il suo eunuco, ambientato durante la caduta dell’impero turco. Il lungometraggio è presentato al Festival di Cannes nel 1999, nella sezione Un Certain Regard. Le fate ignoranti, affermazione straordinaria del regista, è la commedia sentimentale che si afferma come il più importante film della stagione cinematografica 2001, richiamando l’attenzione anche della scena internazionale. A conferma di ciò, ottiene 4 Nastri d’Argento e 3 Globi D’Oro. Nel 2003 torna a stupire il pubblico con La finestra di fronte che fa incetta di premi e riconoscimenti: 5 David di Donatello, 3 Nastri d’Argento, 4 Ciak d’Oro, 3 Globi d’Oro, oltre a 3 premi al Karlovy VaryInternational Film Festival e 2 al Seattle Film Festival.

Cuore sacro (2005) apre un acceso e controverso dibattito tra il pubblico e viene premiato con 2 David di Donatello e il Golden Globe per la migliore regia, mentre l’anno successivo, nel 2006, esce nelle sale cinematografiche Saturno contro che riscuote una serie di riconoscimenti: 1 David di Donatello, 4 Nastri d’Argento, 5 Globi D’Oro e 4 Ciak d’Oro. Due anni dopo il successo di Saturno contro, alla 65ª Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, viene presentato in concorso Un giorno perfetto, tratto dall’omonimo romanzo di Melania Mazzucco.

Nello stesso anno 2008 il MOMA (Museum Of Modern Art )di New York gli dedica una retrospettiva.

Mine vaganti, film del 2010, ottiene un’ottima affermazione sia di pubblico che di critica non solo in Italia. Anche per questo ennesimo lavoro di Özpetek piovono riconoscimenti: 2 David di Donatello, 5 Nastri d’Argento, 4 Globi D’Oro, 4 Ciak D’Oro e il premio speciale della giuria al Tribeca Film Festival di New York.

Il 2012 è l’anno di Magnifica presenza, che conquista 2 Nastri d’Argento, il GreatestAudience Award al Moscow International Film Festival e 4 Globi D’Oro.

Il successivo Allacciate le cinture, del 2014, protagonista Kasia Smutniak, si aggiudica 3 Nastri d’Argento, un Globo D’Oro e un Ciak d’Oro.

La nuova sfida artistica per Özpetek è datata 2011, quando è chiamato a dirigere la sua prima opera lirica in occasione del Maggio Musicale Fiorentino. L’Aida di Giuseppe Verdi si assicura uno strepitoso successo, un consenso replicato l’anno successivo al Teatro San Carlo di Napoli con la Traviata.

Non solo cinema e teatro: nel 2013 pubblica il suo primo romanzo, Rosso Istanbul edito da Mondadori, una vera e propria dichiarazione d’amore alla sua città natale, alle sue origini e a sua madre. Quattro anni dopo, nel 2017, ne trae il film omonimo, girato interamente nella metropoli turca.

Nel 2015 firma il suo secondo romanzo sempre per Mondadori, Sei la mia vita, struggente storia d’amore nella quale emergono anche retroscena reali dai set dei suoi film. Ancora per Mondadori pubblica nel Maggio scorso il terzo romanzo Come un respiro.

Ancora cinema. Sul finire del 2017 esce Napoli velata, protagonisti Giovanna Mezzogiorno e Alessandro Borghi, grande successo di box office e critica, con 2 David di Donatello per la migliore fotografia e migliore scenografia. 

Il 19 dicembre nelle sale italiane è uscito il suo ultimo film La Dea Fortuna interpretato da Stefano Accorsi, Edoardo Leo e Jasmine Trica.

Ad Aprile 2019 è tornato di nuovo al San Carlo di Napoli per dirigere Madama Butterfly. A Maggio viene invitato alla Biennale d’Arte 2019 con la video installazione Venetika, protagonista Kasia Smutniak, che inaugura il Padiglione Venezia, un’opera che ottiene un eccellente risalto sulla stampa e Media internazionali. Alla Mostra del Cinema di Valencia, in Spagna, gli viene tributato il Premio alla Carriera con una Personale di tutti i suoi lavori. 

A gennaio 2020 dirige la messa in scena teatrale del suo omonimo film di grande successo, Mine vaganti.

Tra i numerosi altri riconoscimenti sia culturali che istituzionali annovera la cittadinanza onoraria di Lecce, Napoli e Palermo, oltre alle Laurea honoris causa all’Università per Stranieri di Perugia e all’Università di Palermo. Sempre a Lecce gli è stato attribuito il titolo di  Ambasciatore dell’Università del Salento e aRoma  dalla Presidenza della Repubblica l’onoreficenza di  Commendatore dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”.

Da anni è membro attivo dell’ AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) con la quale ha collaborato attraverso la regia di spot televisivi e la partecipazione ad eventi di beneficienza per la raccolta fondi.

0 commenti su “SPETTACOLO | FERZAN OZPETEK A TRANI PER RACCONTARE LA SUA FANTASTICA STORIA ARTISTICA. EVENTO ORGANIZZATO DAL CIRCOLO CORTE SVEVA DI ANDRIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: